12985428_10208447406891695_6618803360381284065_n 12994460_10208446918959497_4410368211879768812_n12928405_10208447381611063_2189025544535582876_n

ULTIMO SPETTACOLO della STAGIONE LA PROSA DI MATTINA

 

Teatro Lanciavicchio / Comune di Avezzano / Teatro Stabile d’Abruzzo

IL RE MUORE

giovedi 14 aprile  ore 10,00

matinée per le scuole

 

con Cristina Cartone, Tommaso Di Giorgio, Stefania Evandro, Alberto Santucci, Rita Scognamiglio, Giacomo Vallozza

progetto scenografie  Valerio Babbo

realizzazione scenografie Scenotecnica Lanciavicchio/Ivan Medici

progetto e realizzazione costumi Scenotecnica Lanciavicchio/Stefania Evandro

musiche originali composizione e registrazione

Maestro Giuseppe Morgante

tecnico luci Davide Fedele

macchinista Ivan Medici

foto di scena Alessandra Sabatini

organizzazione  Maurizio Sacchetto

 

regia Antonio Silvagni

con lo sguardo di  Elena Bucci

x

Un re prepotente e egocentrico che non vuole accettare il destino, pretendendo di rendere suddito anche l’inconoscibile e inevitabile fato.

Un testo brillante e divertente, pieno di colore e di ritmo, che mette in scena un microcosmo grottesco ma spietatamente vero, di paure e sentimenti tanto esagerati quanto umani.

Bérenger, il sovrano dell’Universo non sa ancora che dovrà morire; il re ha un regno, un medico, una serva e due mogli, Marie e Marguerite che fanno di tutto per annunciargli la fine imminente. Lui è ostinato e cocciuto, non intende cedere agli eventi dal momento che non è stato lui a deciderli, e non vuole ammettere che il destino è il vero sovrano dell’universo e molto più potente di lui.

Il testo di Ionesco rende possibile e immediata la scrittura in scena di una transizione, un momento di passaggio, un cambiamento al quale non si è mai veramente pronti. E’ il dramma dell’uomo inteso come soggetto, inteso come umanità ma anche come società.

Una società in disfacimento progressivo, alla presenza di segnali della natura sempre più frequenti e intensi, e la volontà di non di ascoltarli, di non  vederli e  di non agire per tempo: tutto questo è il nostro Re che muore. Mentre la messa in scena dell’opera sarà fedele alle indicazioni dell’autore – supportate e amplificate dalle nuove tecnologie audiovideo- l’attualizzazione del testo di Ionesco avverrà  direttamente nella rielaborazione dello spettatore contemporaneo, così immerso in una società in dissolvimento da poter  leggere l’opera in tutta la sua feroce attualità.

Bérenger continua a dare ordini all’intero suo mondo, mentre tutto intorno si sgretola e cade a pezzi, nessuno obbedisce più né esseri umani, né cose.  Una grande e frizzante metafora dell’esistenza umana e della fragilità del potere, un testo teatrale senza tregua con ritmi incalzanti e dialoghi sferzanti. Una straordinaria tragicommedia questa di Ionesco che come ha scritto Martin Esslin: “non è un’allegoria” ma “ è un’immagine poetica della condizione umana…Una commedia profonda e bellissima… Un capolavoro della letteratura drammatica moderna”.

 

info 3342578164